Al via il Corso di Perfezionamento in Neurobioetica

Il 24 settembre inizierà la V edizione del Corso di Perfezionamento in Neurobioetica – Neurobioetica e Neurotecnologie, riconosciuta dal Gruppo di Neurobioetica della UNESCO Chair in Bioethics and Human Rights (Facoltà di Bioetica – APRA).

Il Corso, quest’anno previsto sia in italiano sia in inglese, dedicherà la riflessione, ricerca, pubblicazione e formazione all’approfondimento critico degli scenari emergenti alla progressiva ibridazione uomo-tecnologia: dagli sviluppi dell’elettroencefalografia a quelli di risonanza magnetica, dalle interfacce cervello-computer-robot sino alla “lettura della mente” ed alla cosiddetta “telepatia cibernetica”.

Queste sollecitazioni della robotica, dello sviluppo dell’intelligenza artificiale, delle molteplici applicazioni del potenziamento umano, interpellano l’uomo e la donna di oggi chiamati conoscere per conoscere la direzione da dare al progresso neuro-tecnologico.

Per inaugurare l’inizio del Corso, il Gruppo di Neurobioetica, diretto dal Prof. P. Alberto Carrara, LC, organizza un Evento online aperto a tutti suddiviso in due conferenze, in inglese con traduzione simultanea in italiano.

La prima Conferenza sarà tenuta da Prof. Dr. Robert J. Buchanan, KM, MD, Direttore di Neurochirurgia (Seton Brain and Spine Institute), Direttore di Neurochirurgia (Seton Family of Hospitals), Direttore di Chirurgia Spinale e Stimolazione Cerebrale Profonda (Seton Brain and Spine Institute), Professore associato, Università del Texas.

Dopo una breve pausa interviene, nella seconda Conferenza, Jesús Lafuente, MD, FRCSEd, FRCS Glas, PhD, EANS Past President Neurochirurgo (Ospedale Universitario del Mar, Barcellona, ​​​​Spagna), Direttore dell’Unità Spinale dell’Ospedale del Mar, Professore associato presso la UAB, Università Autonoma di Barcellona, ​​​​Presidente eletto dell’EANS 2017 (European Association of Neurosurgical Societies).

Per ottenere il link di collegamento all’Evento, scrivere a infoneurobioethics@gmail.com

 

Per maggiori informazioni, visita la pagina dell’università.

Condividi